Università degli Studi di Pavia - Facoltà di Scienze MMFFNN

Le informazioni di questo sito non sono più aggiornate. Consultare il nuovo link
Home

HomeDidatticaCorsi › Laboratorio di tecniche molecolari

Laboratorio di tecniche molecolari

Corsi di laurea:
Biologia sperimentale ed applicata
Docenti:
Moccia Francesco, Guidetti Gianni Francesco, Raimondi Elena
Anno accademico:
2010/2011
Crediti formativi:
6
Ambiti:
BIO/09, BIO/10, BIO/18
Decreto Ministeriale:
270/04
Ore di lezione:
72
Lingua di insegnamento:
Italiano

Modalità

Brevi relazioni scritte e colloqui.

Prerequisiti

Lo studente deve aver acquisito conoscenze di base di biochimica, fisiologia e genetica molecolare.

Programma

Modulo 1
Teoria del patch clamp. Tecniche di imaging per la misura del Ca2+ e del monossido d'azoto intracellulare. Anelli di aorta di ratto saranno caricati o con il fluoroforo Ca2+-dipendente, Fura-2, o con il fluoroforo NO-dipendente, DAF-DM. Le variazioni nella concentrazione intracellulare di Ca2+ e la produzione di NO saranno valutate in presenza di agonisti vasoattivi.

Modulo 2
In questo laboratorio si analizzerà un evento di attivazione cellulare utilizzando metodi biochimici. Il modello cellulare sarà rappresentato da piastrine umane e verrà studiata l’attivazione della proteina G monomerica Rap1, uno dei principali marker dell’attivazione ed aggregazione piastrinica. Durante l’esercitazione verrà effettuato un saggio enzimatico per determinare la qualità della preparazione piastrinica fornita e successivamente si procederà con l’analisi dell’attività di Rap1 in campioni di piastrine quiescenti o stimolate con agonisti specifici. La proteina di interesse sarà recuperata selettivamente da lisati piastrinici applicando la metodologia del fishing-out, che prevede l’utilizzo di una sonda specifica per la forma attiva della proteina. Nell’ambito dell’esercitazione gli studenti si avvarranno sia di metodologie biochimiche di base, quali la preparazione di tamponi e l’utilizzo di tecniche spettrofotometriche, che di metodologie più avanzate quali elettroforesi SDS-PAGE, Western–blotting e successiva immunorivelazione per chemioluminescenza.

Modulo 3
Allestimento di preparati cromosomici. Bandeggi cromosomici. Il cariotipo umano. Ricostruzione del cariotipo umano. Ibridazione in situ in fluorescenza. Evidenziazione delle sonde. Analisi al microscopio dei preparati. Acquisizione ed elaborazione di immagini.

Bibliografia

Il materiale didattico è fornito direttamente dai docenti dei tre moduli.


Moduli

Modulo:
mod. 1
Docente:
Moccia Francesco
Ore di lezione:
24
Crediti formativi:
2
Ambito:
BIO/09

Programma

Teoria del patch clamp. Tecniche di imaging per la misura del Ca2+ e del monossido d'azoto intracellulare. Anelli di aorta di ratto saranno caricati o con il fluoroforo Ca2+-dipendente, Fura-2, o con il fluoroforo NO-dipendente, DAF-DM. Le variazioni nella concentrazione intracellulare di Ca2+ e la produzione di NO saranno valutate in presenza di agonisti vasoattivi

Bibliografia

Appunti e materiale didattico fornito dal docente.


Modulo:
mod. 2
Docente:
Guidetti Gianni Francesco
Ore di lezione:
24
Crediti formativi:
2
Ambito:
BIO/10

Programma

In questo laboratorio si analizzerà un evento di attivazione cellulare utilizzando metodi biochimici. Il modello cellulare sarà rappresentato da piastrine umane e verrà studiata l’attivazione della proteina G monomerica Rap1, uno dei principali marker dell’attivazione ed aggregazione piastrinica. Durante l’esercitazione verrà effettuato un saggio enzimatico per determinare la qualità della preparazione piastrinica fornita e successivamente si procederà con l’analisi dell’attività di Rap1 in campioni di piastrine quiescenti o stimolate con agonisti specifici. La proteina di interesse sarà recuperata selettivamente da lisati piastrinici applicando la metodologia del fishing-out, che prevede l’utilizzo di una sonda specifica per la forma attiva della proteina. Nell’ambito dell’esercitazione gli studenti si avvarranno sia di metodologie biochimiche di base, quali la preparazione di tamponi e l’utilizzo di tecniche spettrofotometriche, che di metodologie più avanzate quali elettroforesi SDS-PAGE, Western–blotting e successiva immunorivelazione per chemioluminescenza.

Bibliografia

Appunti e materiale didattico fornito dal docente.


Modulo:
mod. 3
Docente:
Raimondi Elena
Ore di lezione:
24
Crediti formativi:
2
Ambito:
BIO/18

Programma

Modulo 3
Allestimento di preparati cromosomici. Bandeggi cromosomici. Il cariotipo umano. Ricostruzione del cariotipo umano. Ibridazione in situ in fluorescenza. Evidenziazione delle sonde. Analisi al microscopio dei preparati. Acquisizione ed elaborazione di immagini.

Bibliografia

Agli studenti verrà dato materiale didattico durante il corso.
Sono consigliati i seguenti testi di consultazione:
Klug W.S. ed altri (2007) Concetti di Genetica, ed. Pearson Prentice Hall;
Peter Sudbery (2000) Genetica Molecolare Umana, ed. Zanichelli.


Elenco appelli e prove

Nessuna prova presente

Credits: apnetwork.it