Università degli Studi di Pavia - Facoltà di Scienze MMFFNN

Le informazioni di questo sito non sono più aggiornate. Consultare il nuovo link
Home

HomeDidatticaCorsi › Identificazione di patogeni

Identificazione di patogeni

Corsi di laurea:
Biologia sperimentale e applicata, Biologia sperimentale ed applicata
Docenti:
Guglielminetti Maria Lidia, Pasca Maria Rosalia, Sacchi Luciano
Anno accademico:
2011/2012
Crediti formativi:
9
Ambiti:
BIO/02, BIO/19, VET/06
Decreto Ministeriale:
270/04
Lingua di insegnamento:
Italiano

Modalità

MICOLOGIA (Mod. 1), BATTERIOLOGIA (Mod. 2), PARASSITOLOGIA (Mod.3)
Esame esclusivamente orale sugli argomenti trattati a lezione

Prerequisiti

MICOLOGIA (Mod. 1) (Guglielminetti)
Si richiedono nozioni di base di Micologia

BATTERIOLOGIA (Mod. 2) (Pasca)
Conoscenza di Microbiologia generale.

PARASSITOLOGIA (Mod.3) (Sacchi)
Conoscenza di base di zoologia generale e sistematica.

Programma

MICOLOGIA (Mod. 1)
La Micologia medica si occupa dell’identificazione, dell’isolamento e del trattamento dei principali funghi patogeni. Il corso prevede lezioni teoriche affiancate dalla diagnostica di laboratorio. Questa comporta la preparazione dei terreni micologici di coltura, l’inoculo di campioni biologici, l’allestimento a fresco di vetrini per il riconoscimento microscopico di lieviti e funghi filamentosi cresciuti dalle colture, l’isolamento dei ceppi cresciuti, l’identificazione microscopica di lieviti del genere Cryptococcus, l’identificazione di lieviti del genere Candida con il metodo API 32C (Biomerieux), il riconoscimento ed identificazione al microscopio di dermatofiti responsabili di micosi cutanee: Trichophyton, Microsporum, Epidermophyton; il riconoscimento e l’identificazione di altri generi di funghi patogeni ed opportunisti: Aspergillus, Fusarium, Penicillium, Cladosporium; l’antimicogramma dei patogeni/opportunisti isolati.

BATTERIOLOGIA (Mod.2)
Verranno illustrate le principali tecniche diagnostiche convenzionali, come: tecniche di colorazione; processamento di campioni clinici di varia provenienza (urinocolture; emocolture; tamponi ferita, faringeo, etc; campioni respiratori; liquor; feci; etc); terreni selettivi; test fisiologici, antigenici e sierologici utilizzati per l’identificazione batterica; l’antibiogramma, etc. Saranno descritte anche alcune tecniche diagnostiche molecolari utilizzate per individuare patogeni batterici non coltivabili e virali.
La parte finale del corso sarà utilizzata per apprendere praticamente alcune delle tecniche descritte.

PARASSITOLOGIA (Mod.3)
Il Corso di Parassitologia ha lo scopo di mettere gli studenti in grado di riconoscere i principali parassiti dell’uomo. Pertanto, dopo una necessaria premessa teorica, si procederà all’allestimento di strisci ematici ed al riconoscimento su base morfologica dei principali flagellati, delle quattro specie di Plasmodi malarici ed al calcolo della parassitemia. Per gli elminti (platelminti e nematodi) l’identificazione dei principali parassiti intestinali avverrà mediante esame microscopico diretto o dopo concentrazione delle feci. Verrà anche calcolato il valore della carica parassitaria. I principali artropodi di interesse parassitario verranno identificati su base morfologica. Infine, verranno forniti esempi di diagnosi sierologica e molecolare.

Bibliografia

MICOLOGIA (Mod. 1)
Atlas of Clinical Fungi (2001). G. S. De Hoog, J. Guarro, J. Gene, M. J. Figueras. ASM Press
Bendinelli, Chezzi, Dettori, Manca, Morace, Polonelli, Tufano (2005) Micologia - Microbiologia medica - Gli agenti infettivi dell' uomo: biologia, azione patogena, laboratorio. Ed. Monduzzi, pp. 167

RIVISTE
Mycoses. Blackwell
Journal de Mycologie Medical. Elsevier Masson
Mycopathologia. CAB

BATTERIOLOGIA (Mod. 2)
G. Antonelli, M. Clementi, G. Pozzi, G.M. Rossolini. Principi di microbiologia medica. Casa Editrice Ambrosiana
Eudes Lanciotti. Principi di microbiologia clinica. Casa Editrice Ambrosiana

PARASSITOLOGIA (Mod.3)
Parassitologia generale e umana. De Carneri. Casa Editrice Ambrosiana.
Parassiti e parassitosi umane. Scaglia, Gatti, Rondanelli. Selecta Medica.


Moduli

Docente:
Guglielminetti Maria Lidia
Crediti formativi:
3
Ambito:
BIO/02

Programma

La Micologia medica si occupa dell’identificazione, dell’isolamento e del trattamento dei principali funghi patogeni. Il corso prevede lezioni teoriche affiancate dalla diagnostica di laboratorio. Questa comporta la preparazione dei terreni micologici di coltura, l’inoculo di campioni biologici, l’allestimento a fresco di vetrini per il riconoscimento microscopico di lieviti e funghi filamentosi cresciuti dalle colture, l’isolamento dei ceppi cresciuti, l’identificazione microscopica di lieviti del genere Cryptococcus, l’identificazione di lieviti del genere Candida con il metodo API 32C (Biomerieux), il riconoscimento ed identificazione al microscopio di dermatofiti responsabili di micosi cutanee: Trichophyton, Microsporum, Epidermophyton; il riconoscimento e l’identificazione di altri generi di funghi patogeni ed opportunisti: Aspergillus, Fusarium, Penicillium, Cladosporium; l’antimicogramma dei patogeni/opportunisti isolati.

Bibliografia

TESTO
Atlas of Clinical Fungi (2001). G. S. De Hoog, J. Guarro, J. Gene, M. J. Figueras. ASM Press

Bendinelli, Chezzi, Dettori, Manca, Morace, Polonelli, Tufano (2005)
Micologia - Microbiologia medica - Gli agenti infettivi dell' uomo: biologia, azione patogena, laboratorio. Ed. Monduzzi, pp. 167

RIVISTE
Mycoses. Blackwell
Journal de Mycologie Medical. Elsevier Masson
Mycopathologia. CAB


Docente:
Pasca Maria Rosalia
Crediti formativi:
3
Ambito:
BIO/19

Programma

La diagnostica microbiologica ha lo scopo di identificare l’agente patogeno responsabile di una malattia infettiva e di suggerire un appropriato trattamento antibiotico. Scopo di questo corso è l’acquisizione di tecniche diagnostiche (classiche e molecolari) utilizzate abitualmente nei laboratori di analisi microbiologiche. Di conseguenza verranno illustrate le principali tecniche diagnostiche convenzionali, come: tecniche di colorazione; processamento di campioni clinici di varia provenienza (urinocolture; emocolture; tamponi ferita, faringeo, etc; campioni respiratori; liquor; feci; etc); terreni selettivi; test fisiologici, antigenici e sierologici utilizzati per l’identificazione batterica; l’antibiogramma, etc. Saranno descritte anche alcune tecniche diagnostiche molecolari utilizzate per individuare patogeni batterici non coltivabili e virali.
La parte finale del corso sarà utilizzata per apprendere praticamente alcune delle tecniche descritte.

Bibliografia

G. Antonelli, M. Clementi, G. Pozzi, G.M. Rossolini. 2008. Principi di microbiologia medica. Casa Editrice Ambrosiana

Eudes Lanciotti. Principi di microbiologia clinica. 2008. Casa Editrice Ambrosiana
Principles and practice of clinical batteriology. 2007. Ed.: S.G. Gillespie, P.M. Hawkey, Second edition, Wiley.


Docente:
Sacchi Luciano
Crediti formativi:
3
Ambito:
VET/06

Programma

Il Corso di Parassitologia ha lo scopo di mettere gli studenti in grado di riconoscere i principali parassiti dell’uomo. Pertanto, dopo una necessaria premessa teorica, si procederà all’allestimento di strisci ematici ed al riconoscimento su base morfologica dei principali flagellati, delle quattro specie di Plasmodi malarici ed al calcolo della parassitemia. Per gli elminti (platelminti e nematodi) l’identificazione dei principali parassiti intestinali avverrà mediante esame microscopico diretto o dopo concentrazione delle feci. Verrà anche calcolato il valore della carica parassitaria. I principali artropodi di interesse parassitario verranno identificati su base morfologica. Infine, verranno forniti esempi di diagnosi sierologica e molecolare.

Bibliografia

Parassitologia generale e umana. De Carneri. Casa Editrice Ambrosiana.
Parassiti e parassitosi umane. Scaglia, Gatti, Rondanelli. Selecta Medica.


Elenco appelli e prove

Nessuna prova presente

Credits: apnetwork.it