Università degli Studi di Pavia - Facoltà di Scienze MMFFNN

Le informazioni di questo sito non sono più aggiornate. Consultare il nuovo link
Home

HomeDidatticaCorsi › Tecniche molecolari per la conservazione della biodiversità

Tecniche molecolari per la conservazione della biodiversità

Corsi di laurea:
Biologia sperimentale e applicata, Biologia sperimentale ed applicata
Docenti:
Balestrazzi Alma, Gomulski Ludvik
Anno accademico:
2012/2013
Crediti formativi:
9
Ambiti:
BIO/04, BIO/05
Decreto Ministeriale:
509/99
Ore di lezione:
72
Lingua di insegnamento:
Italiano

Modalità

Prova scritta

Prerequisiti

Conoscenze di base di biologia vegetale, biologia molecolare

Programma

- Tecnologie per il trasferimento di geni d'interesse alle cellule vegetali e impatto ambientale delle piante transgeniche: alcune considerazioni di carattere introduttivo.
- Modalità di dispersione del transgene nel suolo. Il ciclo extracellulare del DNA nel suolo. Fattori che determinano la persistenza del DNA nel suolo. Attività biologica del DNA ricombinante presente nel suolo: trasferimento genico orizzontale.
- Il destino delle proteine ricombinanti nel suolo: studi sulla tossina Bt.
- Dispersione del transgene mediante polline e semi (gene flow).
- Esempi di monitoraggio di piante transgeniche.
Aspetti metodologici:
- procedure per l’estrazione e purificazione di DNA totale da campioni di suolo,
- isolamento e caratterizzazione della frazione batterica del suolo (analisi microbiologiche; identificazione di attività nucleasiche extracellulari; estrazione e purificazione degli acidi nucleici), - identificazione di sequenze di DNA ricombinante nel suolo mediante approccio PCR (Polymerase Chain Reaction) standard,
- utilizzo della tecnica QRT-PCR (Quantitative RealTime?-Polymerase Chain Reaction) per l'identificazione e la quantificazione delle sequenze di DNA ricombinante negli alimenti e nell'ambiente: principi e applicazioni,
- un sistema modello per lo studio della tracciabilità degli OGM: il microcosmo.

Bibliografia

Il materiale didattico, costituito da articoli scientifici, sarà fornito agli studenti in formato elettronico


Moduli

Modulo:
Modulo A
Docente:
Balestrazzi Alma
Ore di lezione:
48
Crediti formativi:
6
Ambito:
BIO/04

Programma

- Tecnologie per il trasferimento di geni d'interesse alle cellule vegetali e impatto ambientale delle piante transgeniche: alcune considerazioni di carattere introduttivo.
- Modalità di dispersione del transgene nel suolo. Il ciclo extracellulare del DNA nel suolo. Fattori che determinano la persistenza del DNA nel suolo. Attività biologica del DNA ricombinante presente nel suolo: trasferimento genico orizzontale.
- Il destino delle proteine ricombinanti nel suolo: studi sulla tossina Bt.
- Dispersione del transgene mediante polline e semi (gene flow).
- Esempi di monitoraggio di piante transgeniche.
Aspetti metodologici:
- procedure per l’estrazione e purificazione di DNA totale da campioni di suolo,
- isolamento e caratterizzazione della frazione batterica del suolo (analisi microbiologiche; identificazione di attività nucleasiche extracellulari; estrazione e purificazione degli acidi nucleici), - identificazione di sequenze di DNA ricombinante nel suolo mediante approccio PCR (Polymerase Chain Reaction) standard,
- utilizzo della tecnica QRT-PCR (Quantitative RealTime?-Polymerase Chain Reaction) per l'identificazione e la quantificazione delle sequenze di DNA ricombinante negli alimenti e nell'ambiente: principi e applicazioni,
- un sistema modello per lo studio della tracciabilità degli OGM: il microcosmo.

Bibliografia

Il materiale didattico (articoli scientifici) sarà fornito agli studenti in formato elettronico


Modulo:
Modulo B
Docente:
Gomulski Ludvik
Ore di lezione:
24
Crediti formativi:
3
Ambito:
BIO/05

Programma

Il corso si svolge affrontando i seguenti temi: la diversità genetica; genetica evolutiva delle popolazioni naturali; variabilità genetica in popolazioni di organismi animali; risoluzione delle ambiguità tassonomiche; metodi di estrazione del DNA, visualizzazione e riconoscimento dei polimorfismi genetici mediante marcatori biochemiche e molecolari: Alloenzimi, RAPD, ScnDNA?, DNA ribosomale, RFLP, AFLP, microsatelliti; elaborazione dei dati mediante analisi statistici.

Bibliografia

Materiale didattico fornito durante lo svolgimento del corso


Elenco appelli e prove

Nessuna prova presente

Credits: apnetwork.it