Università degli Studi di Pavia - Facoltà di Scienze MMFFNN

Le informazioni di questo sito non sono più aggiornate. Consultare il nuovo link
Home

HomeDidatticaCorsi › Chimica Analitica I con laboratorio

Chimica Analitica I con laboratorio

Corsi di laurea:
Scienze chimiche
Docenti:
Pesavento Maria, Spini Giovanni
Anno accademico:
2009/2010
Codice corso:
81478
Crediti formativi:
15
Ambiti:
CHIM/01
Decreto Ministeriale:
509/99
Ore di lezione:
150
Lingua di insegnamento:
Italiano

Modalità

L’esame è in comune per i due moduli del corso e consiste in una prova scritta su problemi di analisi degli equilibri, e in un colloquio orale sui metodi analitici classici e strumentali che sono stati presentati durante il corso, e sulle esercitazioni svolte in laboratorio

Prerequisiti

Conoscenze di chimica generale, fisica e statistica.

Programma

Conoscenze di chimica generale, fisica e statistica.

L’obiettivo didattico del corso è di fornire allo studente una preparazione di base utile l’applicazione di un metodo di misura chimico in relazione al problema da risolvere, alla precisione e accuratezza richieste, ai livelli di concentrazione e alla presenza di interferenti. Lo studente dovrà apprendere il ruolo delle reazioni chimiche coinvolte nel procedimento analitico e dovrà essere in grado di trattare problemi relativi agli equilibri chimici coinvolti nei metodi analitici quali e quantitativi, applicando le opportune metodologie di calcolo. Dovrà essere in grado di comprendere il significato e le procedure dei metodi di analisi gravimetrici e titrimetrici, le curve di titolazione e il significato di punto finale, con i relativi metodi di individuazione. Dovrà anche essere in grado di comprendere i principi dell’analisi chimica strumentale con particolare riferimento a specifici metodi. Alla fine del corso lo studente avrà acquisito la capacità di risolvere sperimentalmente semplici, ma significative, problematiche di analisi chimica, anche tramite opportune esperienze individuali di laboratorio.

Principi di base per l’esecuzione di misure chimiche, a partire dalle reazioni utilizzabili per ottenere informazioni quali e quantitative: reazioni acido-base, di complessazione, di precipitazione e di distribuzione tra fasi, e i relativi concetti di equilibrio chimico.
Metodi di calcolo per la valutazione della concentrazione delle specie in semplici sistemi all’equilibrio.
Metodi per l’analisi quantitativa in relazione alle concentrazioni da determinare: metodi classici, cioè gravimetria e volumetria, e metodi strumentali. Tra questi in particolare vengono trattati più approfonditamente come esempio i metodi elettroanalitici a corrente zero (potenziometria), a bassa corrente (voltammetria), e ad elevata corrente (coulombmetria), e la cromatografia liquida e gassosa, con particolare riferimento al problema delle interferenze in miscele complesse. Sono illustrati i principi di base della strumentazione e le procedure di quantificazione tramite curva di standardizzazione, metodo delle aggiunte o sottrazioni standard, standard interno.
Aspetti teorici e pratici dell’analisi chimica qualitativa e quantitativa di sostanze e di speciazione di elementi.
Sequenze operative inerenti l’analisi chimica effettuata tramite metodologie classiche: titolazioni acido-base, redox, e per precipitazione: uso degli indicatori, metodi di preparazione e standardizzazione delle soluzioni titolanti.
Nozioni statistiche di base per il trattamento dei risultati ottenuti nel laboratorio analitico.

Lezioni frontali, esercitazioni individuali nel laboratorio analitico.

L’esame consiste in una prova scritta su problemi di analisi degli equilibri, e in un colloquio orale sui metodi analitici classici e strumentali che sono stati presentati durante il corso, e sulle esercitazioni svolte in laboratorio

Bibliografia

D.A. Skoog, D.M. West, “Fondamenti di Chimica Analitica”, Napoli, EdiSES?, 2005;
D.C. Harris, “Chimica Analitica quantitativa”, Bologna, Zanichelli, 2005.


Moduli

Modulo:
Chimica Analitica I
Docente:
Pesavento Maria
Ore di lezione:
75
Crediti formativi:
9
Ambito:
CHIM/01

Programma

Concetti di base per l’esecuzione di misure chimiche, a partire dalle reazioni utilizzabili per ottenere informazioni quali e quantitative: reazioni acido-base, di complessazione, di precipitazione e di distribuzione tra fasi, e i relativi concetti di equilibrio chimico.
Metodi di calcolo per la valutazione della concentrazione delle specie in semplici sistemi all’equilibrio.
Metodi per l’analisi quantitativa in relazione alle concentrazioni da determinare: metodi classici, cioè gravimetria e volumetria, e metodi strumentali. Tra questi in particolare vengono trattati più approfonditamente come esempio i metodi elettroanalitici a corrente zero (potenziometria), a bassa corrente (voltammetria), e ad elevata corrente (coulombmetria), e la cromatografia liquida e gassosa, con particolare riferimento al problema delle interferenze in miscele complesse. Sono illustrati i principi di base della strumentazione e le procedure di quantificazione tramite curva di standardizzazione, metodo delle aggiunte o sottrazioni standard, standard interno.

Bibliografia

D.A. Skoog, D.M. West, “Fondamenti di Chimica Analitica”, Napoli, EdiSES?, 2005;
D.C. Harris, “Chimica Analitica quantitativa”, Bologna, Zanichelli, 2005.


Modulo:
Laboratorio di Chimica Analitica I
Docente:
Spini Giovanni
Ore di lezione:
75
Crediti formativi:
6
Ambito:
CHIM/01

Programma

Aspetti teorici e pratici dell’analisi chimica qualitativa e quantitativa di sostanze e di speciazione di elementi.
Sequenze operative inerenti l’analisi chimica effettuata tramite metodologie classiche: titolazioni acido-base, redox, e per precipitazione. Uso degli indicatori, metodi di preparazione e standardizzazione delle soluzioni titolanti. Monitoraggio di titolazioni tramite metodi strumentali.
Nozioni statistiche di base per il trattamento dei risultati ottenuti nel laboratorio analitico.

Bibliografia

D.A. Skoog, D.M. West, “Fondamenti di Chimica Analitica”, Napoli, EdiSES?, 2005;
D.C. Harris, “Chimica Analitica quantitativa”, Bologna, Zanichelli, 2005.


Elenco appelli e prove

Nessuna prova presente

Credits: apnetwork.it