Università degli Studi di Pavia - Facoltà di Scienze MMFFNN

Le informazioni di questo sito non sono più aggiornate. Consultare il nuovo link
Home

HomeDidatticaCorsi › Storia dell'elettromagnetismo

Storia dell'elettromagnetismo

Corsi di laurea:
Scienze fisiche
Docenti:
Bevilacqua Fabio
Anno accademico:
2009/2010
Crediti formativi:
6
Ambiti:
FIS/08
Decreto Ministeriale:
270/04
Ore di lezione:
48
Lingua di insegnamento:
Italiano

Modalità

Esame scritto.
Consegna di un "portfolio" contenente appunti, approfondimenti, schemi, mappe realizzati dallo studente durante il corso o nella preparazione dell'esame.
Non si accettano tesine.

Prerequisiti

Nessuno, ma utile il corso di Elettromagnetismo Classico.

Programma

Nella tabella 15.1 del secondo volume delle “Feynman’s Lectures on Physics” (1963) vengono evidenziati i risultati più importanti dell’elettromagnetismo classico. Questo corso si propone di dare un inquadramento storico a questi risultati, sottolineando il ruolo innovativo dei grandi scienziati ed i dibattiti che hanno contrapposto i sostenitori dell’azione a contatto a quelli dell’azione a distanza. In particolare verranno esaminati e discussi: la controversia Volta-Coulomb (1784-5) sull’interpretazione dei fenomeni elettrostatici, la controversia Volta-Galvani (1792-1800) sulla cosiddetta “elettricità animale”; il ruolo delle concezioni filosofiche nei risultati di Oersted (1820) e Faraday (1831); le traduzioni di questi risultati nelle teorie contrapposte rispettivamente di Ampère (1826) e Weber (1846); la trasformazione dell’approccio relativistico di Faraday in quello non relativistico di Maxwell (1873); il ruolo del principio di conservazione dell’energia (Helmholtz 1847) nei dibattiti della seconda metà dell’Ottocento; l’affermazione di una conservazione “locale” nelle opere di Poynting (1885) e Planck (1887); il rifiuto dei concetti di “forza” ed “energia potenziale da parte di Hertz (1892 e 1894); la nascita di una “concezione elettromagnetica della natura”; la sintesi di Lorentz (1895) delle concezioni contrapposte ed infine le reinterpretazioni di Einstein nei lavori del 1905. Nell’ultima parte del corso si confronteranno le presentazioni dell’elettromagnetismo classico dei libri di testo di alcuni grandi fisici del Novecento: Fermi (1925), Planck (1932), Sommerfeld (1952), Feynman (1963), Landau (1970), Pauli (1973).

Bibliografia

Verranno utilizzati e pubblicati in rete fonti primarie e secondarie e materiali multimediali pubblicati sul blog del corso:
http://stoelettrclass2010.blogspot.com/

Testi di riferimento:

Olivier Darrigol, Electrodynamics from Ampère to Einstein, Oxford U. P., 2000

Fabio Bevilacqua, The Principle of Conservation of Energy and the History of Classical Electromagnetic Theory, Pavia, 1983

Mauro La Forgia, Elettricità Materia e Campo nella Fisica dell’Ottocento, Torino 1982

Fabio Bevilacqua e Lucio Fregonese (eds), Nuova Voltiana voll. 1-5, Milano 2000-3
http://ppp.unipv.it/PagesIT/NuovaVoltFrame.htm

Fabio Bevilacqua e Enrico Giannetto (eds), Volta and the History of Electricity, Milano 2003
http://ppp.unipv.it/PagesIT/VoltHistElecFrame.htm


Elenco appelli e prove

Nessuna prova presente

Credits: apnetwork.it